Tempo di discorsi, tempo di bilanci

di Francesca Giorgi

Maria si stava truccando, come sempre, attenta a non esagerare. Ci teneva, lei, al brindisi di fine anno alla fabbrica di Franco, tanto che il 31 si prendeva sempre un giorno di ferie per poter essere presente al fianco del marito. Non come le sue amiche che la prendevano in giro dicendo che erano tutte moine per tenere buoni gli operai; a lei piaceva ritrovarsi con i colleghi del marito e le loro famiglie in quel contesto che gli aveva permesso di conoscersi e di stringere amicizie al di là del lavoro condiviso. L’unica cosa che le creava un po’ di ansia era il fatto che il brindisi si facesse il 31, al cambio turno del dopo pranzo, e poi lei fosse costretta a correre a casa in fretta e preparare tutto per il veglione, che ormai da qualche anno si teneva a casa loro, con i figli sposati, generi e nuore, nipotini e un paio di amici.

leggi tutto