Educazione civica

di Oriano Colombo

Quel sabato sera, Gianni era solo in casa. La moglie si era combinata un certo evento cultural-mondano, i ragazzi erano a divertirsi da qualche parte. Lui non se ne dispiaceva: avrebbe guardato con calma e senza intrusioni la partita del Milan, per il quale faceva il tifo da ragazzo e tutto sommato anche ora, per quanto da ormai una ventina d’anni questa appartenenza gli creasse disagio.

leggi tutto

La colica

Il martedì mattina Carlo si svegliò con un fastidio al basso ventre. Più che un dolore, sembrava un impellente stimolo: Carlo diede la colpa ai peperoni della sera prima e non se ne preoccupò. Si alzò con calma, si liberò della prima urina del mattino, si scaldò mezza tazzina di caffè allungato, si stravaccò sul divano e accese una sigaretta. Come d’abitudine, si mise a consultare il televideo, tanto per stare aggiornato sui fatti.

leggi tutto

Paraculaggine

di Oriano Colombo

Va bene, forse non me la dovevo prendere così, con mio figlio Ivan. D’accordo, mi aveva solo chiesto un po’ di euro per uscire domani sera con gli amici; potevo dirgli di no senza bisogno di sbraitargli contro, senza aggredirlo, senza passare per un padre stronzo. Ho reagito male, mi sono lasciato prendere dalla rabbia e ho detto cose che forse non dovevo dire. Un po’ sono pentito, ma neanche troppo. D’altra parte, sa benissimo anche lui che lo considero uno dei principali colpevoli di quello che è successo. E siccome è una storia che mi ha fatto parecchio incazzare, dovrebbe capire che è meglio girarmi al largo ed evitare di provocarmi.

leggi tutto